Pasqua 2022: quando capita, cosa fare, tradizioni

Pasqua 2022 è domenica 17 aprile. In questo giorno abbiamo il culmine delle festività pasquali che si protraggono al giorno successivo: la Pasquetta, o meglio, il Lunedì dell’Angelo. Quelle di Pasqua sono tra le feste più importanti dell’anno, clicca qui se vuoi scoprire il calendario dei ponti e delle feste del 2022.

Ponte e vacanze di Pasqua

Per le feste di Pasqua non si realizzano grandi ponti, ma chi lavora può sempre fare un week end lungo approfittando del lunedì di Pasquetta che è anch’esso un giorno festivo. Si hanno quindi tre giorni di vacanza. Differente è il discorso per gli studenti: dall’asilo alle superiori ci sono le vacanze di Pasqua, quei giorni in cui la scuola è chiusa ed i ragazzi sono a casa in vacanza, generalmente dal mercoledì o giovedì precedente la domenica di Pasqua. Discorso simile per gli universitari perché nell’intorno della Pasqua si sospendono le lezioni negli atenei.

La festa religiosa

Quella di Pasqua è innanzitutto una festa religiosa, nella fattispecie cattolica, sulla quale si è poi innestata la festività laica. L’origine e il motivo della festa, in tutto il mondo, risalgono però all’evento culmine della religione cattolica: la morte in croce e risurrezione di Cristo.
La festa religiosa, a differenza di quella laica, è molto più lunga e termina diversi giorni dopo la Pasquetta. Inoltre, inizia molto prima, con un tempo di penitenza e preghiera: la quaresima, inaugurata dal mercoledì delle ceneri, per poi incontrare il suo culmine nei riti della settimana santa che termina appunto con la domenica di Pasqua e il Lunedì dell’Angelo. Durante la settimana santa, in molte parti del mondo, si tengono processioni e riti dedicati al ricordo della Passione di Cristo e della sua resurrezione.

Il lunedì dell’Angelo

Quella che per molti è conosciuta soltanto come Pasquetta è una giornata che trae, come il resto della festa, origine dagli eventi di Cristo narrati dai Vangeli. In particolare, il Lunedì dell’Angelo ricorre la memoria degli eventi successivi alla sepoltura di Gesù, in particolare l’incontro delle donne che, giunte al sepolcro lo trovano vuoto e quindi del loro incontro con l’angelo che gli annuncia la resurrezione di Cristo e dà loro mandato di dare la lieta notizia agli apostoli.

-L’angelo disse alle donne: «Non abbiate paura, voi! So che cercate Gesù il crocifisso. 6 Non è qui. È risorto, come aveva detto; venite a vedere il luogo dove era deposto. 7 Presto, andate a dire ai suoi discepoli: È risuscitato dai morti, e ora vi precede in Galilea; là lo vedrete. Ecco, io ve l’ho detto». 8 Abbandonato in fretta il sepolcro, con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l’annunzio ai suoi discepoli. –

Mt 28, 1-10

La tradizione di Pasquetta: scampagnate e pranzi

Il lunedì di Pasquetta non è una festa cattolica di precetto, ovvero non è una di quelle giornate in cui i cattolici devono andare a messa.
In questa giornata si è soliti organizzare scampagnate e pic nic approfittando della primavera che ormai si affaccia nella stagione. In cerca di bel tempo dunque è tradizione organizzarsi per trascorrere la giornata nei parchi delle grandi città oppure nelle campagne o al mare. In questo giorno, soprattutto nelle regioni con il clima più mite molti azzardano anche il primo tuffo al mare e qualcuno pensa anche a riaprire piano piano la stagione balneare fatta di pranzi di pesce in spiaggia.

Tipica di questa giornata è la colazione salata, fatta di salumi, formaggi, torte pasquali, uova sode e, ovviamente, uova di Pasqua.

Le ricette del pranzo di Pasqua

Il pranzo di Pasqua è un momento quasi sacro per la gola degli italiani e non solo. Sappiamo che la Pasqua si celebra quasi in tutto il mondo ed è preceduta, per i cattolici praticanti, da due giorni di digiuno (il mercoledì delle ceneri e il venerdì santo) e dall’astinenza dalla carne il venerdì. Anche chi non pratica, ama però deliziarsi con il pranzo di Pasqua che comincia in realtà dalla colazione. Le ricette e le tradizioni variano molto da Regione a Regione. Ad esempio la colazione di Pasqua è una tradizione per lo più romana e del centro Italia.

COLAZIONE DI PASQUA.

Ecco gli ingredienti immancabili della colazione pasquale:

  • la corallina, salame ricco di lardelli (grasso di maiale)
  • la coratella (interiora dell’agnello) coi carciofi
  • torta al formaggio
  • uova sode
  • formaggi stagionati
  • pizza bianca
  • Cioccolato

RICETTE PASQUALI – IL PRANZO DI PASQUA

Gli ingredienti fondamentali del pranzo: i must have delle ricette pasquali:

  • Pasta al forno – Lasagne
  • Casatiello
  • Abbacchio al forno con patate
  • Risotto agli asparagi
  • Pastiera napoletana.
  • Colomba pasquale.
  • Torta Pasqualina.
  • Salame di cioccolato.
  • Costolette d’agnello
  • Torta al formaggio.
  • Pizza ripiena

Le uova di Pasqua

Simbolo delle feste pasquali, quando cominciamo a vederle nei supermercati e nelle pasticceria sappiamo che ci stiamo avvicinando alle feste pasquali: sono le uova di Pasqua. E’ ormai tradizione da anni di scambiarsi un uovo di Pasqua durante queste festività, soprattutto per la gioia dei bambini che attendono l’uovo per romperlo e scoprire la sorpresa che c’è dentro.
L’uovo di cioccolato nasce alla fine dell’800 dall’idea di un pasticcere olandese a cui dobbiamo l’invenzione di uno stampo per un uovo di cioccolato in cui inserire una sorpresina.

Le colombe pasquali

L’altro dolce tipico della Pasqua è la colomba. Tipicamente milanese, fu un’invenzione della Motta che poi prese piede in tutto il Paese. La ricetta è abbastanza semplice tant’è che in molte famiglia si usa ormai farla in casa. La colomba deriva dal panettone, infatti se ci pensate bene, la ricetta è abbastanza simile, ovviamente la forma, quella della colomba è tipicamente pasquale.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *